Foto Iniziale

Inserzione Facebook non approvata? Ecco la soluzione 100% efficace

Almeno una volta a settimana sul nostro gruppo Facebook di The Social Millionaire qualcuno si ritrova con la propria inserzione Facebook non approvata.

Questo succede prevalentemente in 2 casi:

  1. Se hai violato delle regole di base sull’annuncio, ad esempio l’immagine con troppo testo o con tasti che riproducono le funzionalità video. In questo caso è facile da sistemare.
  2. Quando si parla di Network Marketing o di guadagni rapidi. In questo caso la disapprovazione è molto arbitraria e non segue delle regole ben precise.

Facciamo un passo indietro, in modo da capire quali sono le procedure da seguire per evitare di avere un annuncio non approvato e come risolvere se succede.

Tu hai un business di qualche tipo e hai deciso di pubblicizzarlo su Facebook ADS. Puoi fare vendita diretta (sconsigliato) oppure seguire il sistema The Social Millionaire, quindi mandare gli utenti su una Optin-Page e e crearti la tua Mailing List da gestire con l’Autoresponder.

Hai due modi per creare un annuncio Facebook ADS:
1) Promoted Post
2) Gestione Inserzioni
Se vuoi approfondire queste due tipologie, leggi l’articolo dedicato agli annunci Facebook ADS.

In entrambi i casi tu crei un annuncio che verrà sottoposto all’approvazione da parte dello staff di Facebook secondo le norme dell’advertising.

All’inizio c’è una prima approvazione basata su un algoritmo automatico che studia il testo del tuo annuncio, la lunghezza, le parole contenute, la tipologia di immagine e la quantità di testo presente nell’immagine.

Ad esempio una regola poco conosciuta è che l’immagine non deve contenere più del 20% di testo.

Come fai a sapere se la tua immagine è in regola?
Semplice, usi l’apposta griglia di controllo.

Caricando la tua immagine nella griglia, Facebook ti permette di stabilire esattamente quante celle sono occupate da testo. Se il numero supera il 20% allora l’immagine non verrà approvata.

Inserzione Facebook non approvata

Usando questo strumento puoi quindi prevenire qualsiasi mancata approvazione dovuta all’immagine. A tal proposito ti segnalo che nell’immagine non devono essere presenti finti bottoni che riproducono funzionalità varie, come ad esempio il classico Play dei Video. Un’immagine con un simbolo Play verrebbe disapprovata. Quindi mantieni un’immagine semplice, pulita e con poco testo.

norme-ads-4

Ecco altri esempi:

norme-ads-2

norme-ads-5

Ora parliamo invece di un’inserzione Facebook non approvata per motivi di contenuto.

A me è capitato un paio di volte: una volta parlavo di network marketing e una volta parlavo di dieta. Sono temi delicati, dove le false promesse e aziende fasulle sono dietro l’angolo.

Per questo motivo Facebook tende a disapprovare qualsiasi annuncio riguardante promesse di rapidi risultati, in qualsiasi ambito.

Questo sono gli accorgimenti per prevenire la disapprovazione:
– Niente promesse eccessive
– Niente guadagni facili
– Niente 7 kg in 7 giorni
– Niente parole “Network marketing”

Pensaci, nel testo puoi comunque attirare il tuo target senza nominare le parole tabù. Se vuoi attirare persone che possano essere interessate al network, è meglio se non lo nomini proprio. Parla invece del risultato, di come gli insegnerai con un ebook gratuito a costruirsi delle piccole rendite extra e così via. Poi nell’ebook gli spiegherai che tu usi, tra le altre cose, il Network Marketing come strumento per ottenere quel risultato.

Ecco altri contenuti vietati:

  1. Le inserzioni non devono rappresentare, agevolare o promuovere prodotti, servizi o attività illegali. Le inserzioni rivolte ai minorenni non possono promuovere prodotti, servizi o contenuti inappropriati, illegali o considerati poco sicuri o che sfruttano, confondono o esercitano una pressione non necessaria sui relativi destinatari.
  2. Le inserzioni non devono promuovere la vendita o l’uso dei seguenti prodotti: 
    1. Sostanze illegali, con obbligo di ricetta o usate a scopo ricreativo
    2. Prodotti a base di tabacco o accessori utilizzati per il loro consumo
    3. Integratori considerati poco sicuri da Facebook a sua esclusiva discrezione
    4. Armi, munizioni o esplosivi
    5. Prodotti o servizi per adulti (salvo inserzioni che hanno come oggetto prodotti o servizi per la pianificazione di gravidanze o la contraccezione)
  3. Le inserzioni non devono contenere nessuno dei seguenti elementi: 
    1. Contenuti che non rispettano i diritti di terzi, compresi copyright, marchi commerciali, privacy, pubblicità o altri diritti personali o di proprietà
    2. Contenuti per adulti, comprese immagini di nudo, rappresentazioni di persone in posizioni esplicite o allusive o coinvolte in attività eccessivamente allusive o sessualmente provocatorie

norme-ads-1

Cosa fare se vendi sex-toys e ti disapprovano l’annuncio? E’ molto semplice, non devi fare vendita diretta su Facebook! L’ho detto 100 volte. Tu devi pubblicizzare una optin-page che regala un Pdf o un video. Ora se anche il PDF è vagamente su tematiche sessuali, Facebook non disapprova la pubblicità ad un libro, quindi tutto fila liscio e tu ti costruisci la tua mailing list a cui poi vendere i tuoi prodotti.

Ma cosa fare se ti hanno disapprovato annuncio e/o hanno bannato il tuo sito?

Non te lo dicono ma in qualche modo loro si segnano anche il tuo url di destinazione. E una volta che è stato disapprovato, puoi cambiare l’annuncio quante volte vuoi ma loro ormai ti hanno segnato come un potenziale spammer.

Quindi se tenti di proporre un nuovo annuncio con lo stesso url, rischi che te lo disapprovano comunque perché il sito di destinazione è lo stesso. E così facendo rischi addirittura il “ban” del tuo account.

  • Dopo un po’ di disapprovazione per la stessa motivazione Facebook ti avvisa: fallo ancora e ti chiudo l’account. Purtroppo succede e non è negoziabile.

Ho parlato personalmente con una responsabile di Facebook ADS e mi ha detto che si sono molto irrigiditi su alcune tematiche, come quella dei guadagni facili, e la disapprovazione è facile. E se ripetuta più volte porta alla terminazione dell’account. Meglio evitare.

Ecco la procedura da seguire se ti disapprovano l'annuncio:

1) Leggi bene le motivazioni e se riguardano cose semplici (ad es l’immagine) sistemale immediatamente.
2) Se riguardano i contenuti, verifica il testo dell’annuncio e cambia tutto. Ti conviene proprio scriverlo da capo eliminando parole di troppo e promesse eccessive.
3) Cambia l’url di destinazione. Metti la optin-page su un nuovo url (ad es tuosito.com/nuova-optin.html).
4) Valuta anche di cambiare il testo della optin-page, e rendilo coerente con il testo del nuovo annuncio che hai scritto.
5) Non modificare il vecchio annuncio. Fai un nuovo annuncio con il nuovo testo e la nuova url.

Funziona? Direi di sì!

Ecco cosa ci scrive un utente del nostro gruppo dopo aver seguito questa procedura:

testimonianza-annuncio-approvato

Il fatto è che se ti adegui alle norme Facebook, se previeni sempre le regole di base, e sistemi le cose giuste in caso di disapprovazione, allora l’efficacia è del 100%.

Spesso succede anche che, facendo una nuova inserzione da zero, il revisore del tuo annuncio sia fisicamente una persona diversa da quella precedente, e quindi le probabilità di passare sono più alte. Se invece correggi quello disapprovato, il revisore è lo stesso tendenzialmente e i rischi sono maggiori.

Esiste anche un modulo per contattare Facebook e chiedere l’approvazione espressa del proprio annuncio, ma di fatto tendono a rispondervi con le stesse motivazioni per cui è stata disapprovata. Quindi è abbastanza inutile. Seguite la procedura che vi ho detto che ad oggi funziona molto bene ed è efficace al 100%.

Se avete altre problematiche scrivete nei commenti che vi aiuto a risolverle!

[Articolo] I 2 Tipi di Annunci su Facebook ADS >>

A presto,
Giacomo Bruno

Pubblica il tuo libro

Vuoi pubblicare il tuo libro?

Scopri BRUNO EDITORE, la prima casa editrice al mondo per pubblicare un libro e diventare Bestseller Amazon.

>> INIZIA ORA

photo

Giacomo Bruno

Ingegnere elettronico, è stato nominato dalla stampa “il papà degli ebook” per aver portato gli ebook in Italia nel 2002, 9 anni prima di Amazon e degli altri editori.E’ Autore di 26 bestseller sulla crescita personale e con la sua casa editrice Bruno Editore ha pubblicato 600 libri sui temi dello sviluppo personale e professionale. E’ considerato il più noto “book influencer” italiano perché ogni libro da lui promosso o pubblicato diventa in poche ore Bestseller n.1 su Amazon.La sua newsletter viene seguita ogni giorno da oltre 150.000 affezionati lettori. Il suo Blog e i suoi canali social sono seguiti da oltre 1.000.000 di follower. Il suo lavoro è seguito dalla Radio, dalla Stampa e dalle TV nazionali.

Potrebbero interessarti anche questi: